La prevenzione della caduta: una nuova soluzione

La pandemia ha fatto emergere alcune delle fragilità della nostra società. Le limitazioni dovute al distanziamento e l’isolamento, hanno colpito maggiormente una delle “colonne portanti” del nostro Paese: gli anziani.

Il numero degli anziani in Italia è uno dei più alti d’Europa, viviamo infatti in un Paese in cui la maggior parte della popolazione ha più di 65 anni. Questo significa che l’aspettativa di vita nel nostro paese è molto lunga e questa è sicuramente una cosa positiva, ma allo stesso tempo ci troviamo davanti ad una popolazione più fragile che necessita maggiori attenzioni.

Il problema della caduta dell’anziano.

Le situazioni di difficoltà che abbiamo vissuto e stiamo tutt’ora vivendo, hanno permesso di comprendere con più lucidità che i nostri genitori e i nostri nonni sono fondamentali per noi poiché rappresentano la testimonianza della nostra storia e della nostra identità.

Per esempio, è da diversi anni che l’OMS considera la caduta delle persone anziane un problema ad alto impatto sia per le persone che cadono sia per le famiglie. Già prima della pandemia, diverse agenzie e fonti scientifiche evidenziavano che, sia negli Stati Uniti che in Europa, la caduta nella popolazione degli over 65 riguarda una persona su tre.

Cause e conseguenze delle cadute.

Le condizioni fisiche di una persona sono influenzate dai cambiamenti dovuti all’avanzare dell’età, dalle patologie esistenti e dai farmaci utilizzati, e alcune limitazioni fisiche possono aumentare il rischio di caduta.

Con l’arrivo del COVID-19 e dei periodi di inattività forzati le persone a rischio caduta sono aumentate.

Le cadute sono uno dei problemi più gravi riguardanti gli anziani: possono essere accidentali o legate a particolari condizioni fisiche del soggetto e possono provocare danni più o meno seri, non solo a livello fisico ma anche mentale.

Le principali conseguenze di una caduta sono fratture, disabilità, lunghi periodi di inabilità e traumi psicologici che minano l’autonomia e l’indipendenza.

Si tratta quindi di una problematica molto importante, sia per la persona caduta sia per la famiglia che deve trovare un modo per fornire aiuto adeguato alla persona amata.

Nuovo programma di prevenzione delle cadute: Newgravity.

Consapevoli del nuovo impegno richiesto, all’Istituto Palloni si è sviluppato un nuovo Servizio per la prevenzione della caduta dell’anziano.

Si tratta di una soluzione unica nella Regione, in grado di contrastare velocemente il rischio di caduta.

Questo servizio è caratterizzato da:

  • un programma di valutazione clinico-funzionale, in grado di identificare e quantificare il rischio di caduta dell’anziano;
  • una nuova tecnologia, la Newgravity, che attraverso tre diverse fonti di energia (corrente, luce LED e infrarossi) è in grado di aumentare il controllo della stabilità della persona trattata – i benefici sono riscontrati già dal primo trattamento.

La soluzione Newgravity è rivolta a tutte le persone con disturbi dell’equilibrio e del movimento, con instabilità e insicurezza nella deambulazione e con storia di cadute pregresse, per migliorare la stabilità, allontanare il rischio caduta e quindi migliorarne la qualità della vita.

Il servizio si pone l’obiettivo di:

  • Migliorare la consapevolezza del paziente e dei suoi familiari sui rischi connessi alle cadute
  • Quantificare il rischio di cadute
  • Favorire l’identificazione e l’eliminazione dei fattori di rischio
  • Avviare il paziente ad un programma specifico di riabilitazione con la terapia Newgravity.

Il percorso della persona consiste in alcuni semplici passaggi:

  • Valutazione fisioterapica e primo trattamento TEPS
  • Visita medica per valutazione fattore di criticità
  • Ciclo di 3 sedute di terapia TEPS con la tecnologia Newgravity. Ciascuna seduta è caratterizzata da un trattamento TEPS con la tecnologia Negravity e la valutazione funzionale e posturologia mediante la stabilometria per oggettivare i miglioramenti derivati dal trattmento- durata complessiva 30 min.
  • Una valutazione medica a completamento del primo ciclo di trattamento

Prenditi cura di te e dei tuoi cari!

Effettua ora la valutazione on line.

Per ricevere maggiori informazioni o per prenotare una valutazione contattaci allo 055 91025568 oppure 055 9850083, o inviaci una mail a info@istitutopalloni.it