• 18 MAY 18
    Onde d’urto: quando servono e quali sono i loro benefici

    Onde d’urto: quando servono e quali sono i loro benefici

    Cosa sono le onde d’urto e perché sono importanti in un percorso fisioterapico e riabilitativo

    Le onde d’urto sono movimenti di altissima pressione (per esempio un sisma) che hanno però un’importante applicazione in ambito medico. Le terapie con onde d’urto extracorporee (ESWT) infatti è stato clinicamente testato che le onde di pressione, se applicate a tessuti lesi, stimolano importanti reazioni metaboliche e, in particolare:

     Riducono il dolore percepito
    •  Aumentano la circolazione sanguigna nei tessuti molli
    •  Stimolano il processo di guarigione innescato dall’attivazione delle cellule staminali

    Gli impulsi prodotti dalle Onde d’Urto riducono l’infiammazione dei tessuti e riattivano dei processi riparativi. In altri termini, stimolano la guarigione di un tessuto leso e, soprattutto, sono molto efficaci nei casi di infiammazioni tendinee e muscolari. Ecco perché sono particolarmente importanti in un percorso riabilitativo: perché consentono di ridurre i tempi di recupero. Tali effetti sono dovuti ad un meccanismo di azione diretto ma, soprattutto, sono legati a fenomeni fisici conseguenti al passaggio dell’onda nel tessuto colpito. 

La differenza di pressione provocata dalle onde d’urto genera la formazione di bolle di gas e dà vita al fenomeno della “cavitazione”. Le successive onde d’urto colpiscono le bolle così formate facendole implodere e provocando il “jet stream”, un getto d’acqua che determina microlesioni nelle zone di tessuto circostanti.

    Altro effetto fondamentale è quello che si definisce neoangionesi, ovvero l’aumento della circolazione sanguigna nei tessuti molli circostanti e la formazione di nuovi capillari che vascolarizzano la zona interessata dall’infiammazione favorendone la guarigione.

    L’effetto finale di un trattamento quindi è di tipo analgesico e aiuta il recupero grazie all’eccitazione della membrana cellulare e all’azione sui recettori del dolore che bloccano la trasmissione del segnale ai centri cerebrali e, di fatto, fanno innalzare la soglia del dolore. Secondo altre teorie l’effetto sarebbe provocato dalla crescita dei radicali liberi presenti nei tessuti che hanno un’azione inibitoria sul dolore.


    “In un percorso di recupero da una frattura, nel caso di un’infiammazione localizzata o in situazioni con patologie croniche le terapie che prevedono trattamenti con onde d’urto sono molto importanti per facilitare la fase di recupero”


     

    onde_durto_valdarno_istituto_palloni

    Al di là degli aspetti accademici è importante ricordare come la SITOD (Società Italiana Terapia con Onde d’Urto) abbia individuato una lista di casi specifici che possono essere trattati con successo con le onde d’urto.

    

• Pseudoartrosi / mancato consolidamento delle fratture
    • Fratture da stress
    
• Tendinopatia o borsite calcifica della spalla
    • Tendinopatie inserzionali croniche
    
• Fascite plantare (con e senza spina calcaneale)
    
• Osteonecrosi in stadi precoci
    
• Osteocondrite dissecante in stadi precoci dopo la maturità scheletrica
    • Distrofie ossee simpaticoriflesse 
    • Sindrome miofasciale
    • Lesioni muscolari senza discontinuità
    • Ulcere cutanee
    • Spasticità


    area_funzionale_01

    In un percorso di recupero da una frattura, di un’infiammazione localizzata (come tendiniti o tendinosi) o nei casi di patologie croniche le terapie che prevedono trattamenti con onde d’urto sono molto importanti per facilitare la fase di recupero, alleviare il dolore e produrre un effetto di tipo analgesico che consente al paziente di avere una migliore mobilità.

    Per questo sono uno dei trattamenti che abbiamo scelto di prevedere nella nostra divisione riabilitativa e fisioterapica che consente a tutti – atleti, anziani, malati cronici e persone che devono recuperare da un trauma – di effettuare percorsi personalizzati di riabilitazione. Contando, peraltro, su una serie di tecnologie e di tecniche complementari (come le sedute in piscina o le valutazioni posturali mirate) che permettono di intervenire sui pazienti in modo globale, individuando con maggior precisione le cause di un problema e, allo stesso tempo, di migliorare la reazione dell’organismo ai trattamenti.

    Per informazioni sulle Onde d’urto e sui servizi della divisione riabilitativa e fisioterapica chiama il numero 055 9102568 o scrivi a info@istitutopalloni.it