• 03 MAY 14
    I benefici della Tecar terapia

    I benefici della Tecar terapia

    La Tecarterapia (talvolta Tecar® o anche Human Tecar®) è una terapia il cui indice di efficienza è alquanto interessante. Come accade con altre terapie che vengono utilizzate in centri specializzati (vedasi per esempio la litotrissia, la tecnica che utilizza uno strumento detto litotritore) o con macchine decisamente costose (lo stesso laser neodimio-yag, utilizzato per esempio nella Hilterapia), spesso la Tecarterapia non è accessibile nei centri fisioterapici normali; in effetti, pur essendo stata introdotta nel nostro Paese diversi anni fa, la Tecarterapia è ancora relativamente poco conosciuta.
    La Tecarterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo, Tecar® e Tecarterapia® sono marchi registrati di Unibell International) è una tecnica che stimola energia dall’interno dei tessuti biologici, attivando i naturali processi riparativi e antinfiammatori. La ragione d’essere della Tecarterapia sta nella constatazione che ogni patologia osteo-articolare e dei tessuti molli rallenta e modifica i processi biologici che stanno alla base della riparazione del danno subito.

    L’idea di trasferire energia ai tessuti infortunati è comune a molte terapie (radar e Marconiterapia usano l’effetto antenna, la magnetoterapia l’effetto Faraday-Neumann ecc.), ma tutte queste somministrano energia proveniente dall’esterno. La Tecarterapia agisce diversamente, essa infatti richiama le cariche elettriche da tutto il corpo, sfruttando il modello del condensatore, cioè due conduttori affacciati e separati da un isolante. Se si collegano i due conduttori a un generatore elettrico di differenza di potenziale, sui conduttori si accumuleranno cariche elettriche che si opporranno alla corrente fino a ridurla a zero quando il sistema è carico. Nella Tecarterapia un elettrodo è collegato a un generatore la cui frequenza è pari a 0,485 MHz, mentre il secondo conduttore è rappresentato dal tessuto biologico. La scelta di utilizzare la frequenza sopracitata deriva dal fatto che, in base ai numerosi studi eseguiti fino a questo momento, essa sembra essere quella più efficace a livello di risultati. Nella zona sotto terapia si avrà un flusso di cariche con attivazione metabolica e un effetto termico endogeno (cioè che nasce dall’interno). Se l’elettrodo mobile non è elettricamente isolato, la concentrazione di cariche avviene nei tessuti a più alta resistenza (osso e articolazioni) che fungono quindi da isolanti (contatti resistivi).
    Il metodo sul quale si basa la Tecarterapia è coperto da un brevetto internazionale (EP 08933140) riconosciuto in tutto il mondo.